ILM
  • Il Principe dei Sogni

    Il Principe dei Sogni

    Giuseppe negli arazzi medicei di Pontormo e Bronzino

Informazioni sul progetto

ILM realizza per la mostra “Il principe dei Sogni. Giuseppe negli arazzi medicei di Pontormo e Bronzino” tutti gli
apparecchi di illuminazione installati nel Salone dei Corazzieri, al Palazzo del Qurinale.
La rassegna è stata inaugurata dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e si è tenuta in forma privata al Quirinale il 16 Febbraio 2015, successivamente è arrivata a Milano per l'apertura di Expo 2015  ed ha concluso il suo viaggio a Firenze nella cornice di Palazzo Vecchio.
Una mostra unica per il suo valore inestimabile, che presenta per la prima volta dopo 150 anni tutti i venti arazzi cinquecenteschi commissionati da Cosimo I de’ Medici per la sala de’ Dugento di Palazzo Vecchio.
Una “doppia” inaugurazione, quella al Quirinale; infatti, per questa prestigiosa occasione sono state utilizzate per la prima volta le Nereidi, le nuove plafoniere LED sviluppate appositamente per avere un bassissimo grado di
abbagliamento oltre che per essere disponibili con numerose ottiche che permettono una emissione della luce
perfetta. Le ottiche asimmetriche alloggiate nelle Nereidi utilizzate per questa prestigiosa esposizione, hanno
permesso di “lavare” completamente con la luce gli splendidi arazzi millecinquecenteschi, facendone risaltare tutte le meravigliose tessiture.

Federico Ognibene, CEO di ILM Lighting e progettista delle nuove Nereidi, commenta così questo importante risultato: “Mezzo millennio di arazzi, è un onore aver creato le luci che fanno risplendere questo prestigioso tassello di Storia”.

Un tassello di Storia che è a sua volta esposto in un edificio che è egli stesso un grande pezzo di Storia della nostra Nazione, un orgoglio che come azienda ci ha arricchito sia professionalmente che umanamente e che rappresenta un vero vanto per l’Italia, imperdibile per ogni visitatore della Città Eterna .
 
Il CEO F.Ognibene:     
"E’ da tempo che volevo realizzare un apparecchio che potesse essere impiegato per illuminare grandi superfici senza essere invasivo all’occhio umano: Spesso i Lighting Designers hanno il problema di dover “nascondere” gli apparecchi lineari proprio per problemi di abbagliamento diretto.
Con le Nereidi non è più necessario nascondere l’apparecchio, non tanto per le dimensioni dello stesso – che sono comunque molto contenute -, ma soprattutto perché la luce che emette è totalmente schermata all’occhio umano, rendendola di fatto percettivamente “invisibile”: Ovviamente questo accorgimento porta con sé il grandissimo pregio di non dover più essere “disturbati” dalla luce emessa e potersi concentrare quindi sulla superfice illuminata."
Anno:
2015

Luogo:
Roma, Palazzo del Quirinale



Progetto di:
Arch. Francesco Bianchi
Arch. Oscar Santilli



Prodotti utilizzati in questo progetto